La Voce del Longano

Perdix

Home

Felice Pedichizzi

 

comunica con l'autore del libro

  comunica con l'autore del libro

Felice Perdichizzi nasce nel 1944 in provincia di Messina, a Barcellona, nella parte nord orientale della Sicilia prospiciente le isole Eolie.

            Frequenta le locali scuole elementari e poi dai genitori è mandato in “continente”, a Reggio Calabria nel convitto nazionale “Tommaso Campanella”.

            A Reggio frequenta le scuole medie ed i primi due anni del liceo scientifico “Leonardo da Vinci”, quindi sentendo molto la mancanza della sua Sicilia, convince i genitori a farlo tornare a casa e si iscrive al liceo scientifico “Giuseppe Sequenza” di Messina diventando, di fatto, pendolare.

            Nel 1963 dopo aver conseguito la maturità scientifica frequenta, sempre a Messina, prima la facoltà di Chimica e poi quella d’Economia e Commercio senza laurearsi.

            Qualche anno dopo partecipa al 40° corso Allievi Ufficiali di Complemento e, superato il corso, esplica l’attività di sergente A.U.C. prima e quella di S.Ten. di Complemento dopo presso il LXII° battaglione corazzato della brigata Aosta nella caserma Sommaruga di Catania, distinguendosi per l’attitudine al comando e per la dedizione all’Esercito Italiano.

            Nel 1966, dopo essersi congedato, collabora col padre nella gestione di una gioielleria a Barcellona. Nel 1970 sposa Maria che nei tre anni successivi gli regala tre splenditi maschietti, Nino, Giuseppe e Samuele. Nino nel 1973 è chiamato tra gli Angeli per un neuroblastoma al rene.

            Nel 1987 ottiene il brevetto civile di primo grado per il pilotaggio di aerei da turismo nazionale.

            Nello stesso anno entra nella sua vita il personal computer. Da allora dedica al monitor dieci ore al giorno e gli viene l’idea di scrivere, ma il tempo è tiranno e tutto è rimandato.

            Nel 2000 incontra un gruppo di “ragazzi” ed un Presidente e con loro, ogni venerdì, a cena, inala un poco d’ossigeno per arrivare alla settimana successiva ed anche se li frequenta solo da meno di un decennio è come se li conoscesse da tutta una vita.

            Intanto i figli, nel 1991, si diplomano in ragioneria ed incominciano a collaborare con lui, e così lentamente cerca di svincolarsi dal lavoro, finché, rientrando nella legge Dini, dopo essersi costituita la Perdichizzi 1907 s.r.l. nel 2003 va in pensione.

            Dopo aver ceduto tutto ai figli, inizia “Perdix” la sua “opera prima” che probabilmente sarà anche l’ultima.

 

Se vuoi leggere questo libro clicca...

 

Perdix

 

Home

 

Free counters!